Il rilascio di manutenzione di Awingu 5.2.4 è ora disponibile!

Il 'WOW' (il nuovo modo di lavorare) è davvero wow?

"Il telelavoro è una forma di organizzazione e/o esecuzione del lavoro, utilizzando la tecnologia dell'informazione, nel contesto di un contratto/rapporto di lavoro, in cui il lavoro, che potrebbe anche essere eseguito nei locali del datore di lavoro, viene svolto lontano da questi locali su base regolare." (Definizione dell'accordo quadro europeo sul telelavoro, Articolo 2)

Il "nuovo modo di lavorare" chiamato anche "nuovo mondo del lavoro" (o "nuovo WoW"), consiste in una vasta gamma di caratteristiche. Le innovazioni nella tecnologia digitale hanno portato a un'espansione nell'uso dell'IT per permettere di lavorare sempre e ovunque. Il telelavoro è visto come vantaggioso sia per i datori di lavoro che per i dipendenti per numerose ragioni. Uno è il potenziale miglioramento dell'equilibrio tra lavoro e vita privata, non ultimo per la riduzione del tempo speso a fare il pendolare. In questo contesto, il fenomeno del telelavoro/ICT mobile work (T/ICTM) è in aumento, spinto dal bisogno delle aziende di una maggiore produttività e di una migliore performance, così come dai bisogni di flessibilità dei dipendenti, che vogliono bilanciare le richieste di lavoro con la famiglia e altre responsabilità personali. Sembra che il fenomeno sia anche guidato da questioni sociali, come l'inquinamento nelle grandi città. Il telelavoro è un ottimo modo per ridurre il traffico dei pendolari e anche le spese per gli uffici.

Può creare opportunità di lavoro, attrarre e trattenere lavoratori qualificati, e potenzialmente anche innescare la crescita economica in regioni remote. La maggior parte di queste motivazioni sono evidenziate in studi nazionali da Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Spagna, Svezia e Regno Unito. In tutti questi paesi, il telelavoro - specialmente quello da casa - sta diventando una strategia sempre più importante per i gruppi che lottano per combinare l'uso quotidiano del tempo per vari scopi in luoghi diversi.

Il "WoW" si riferisce fondamentalmente al lavoro che è indipendente dal tempo e dallo spazio, con l'enfasi sulle prestazioni lavorative rispetto al tempo di lavoro o alla presenza in ufficio. Richiede un approccio diverso alla gestione, basato su una maggiore autonomia e autoresponsabilità dei dipendenti, così come su un buon accesso alle informazioni, alla conoscenza, all'esperienza e a relazioni di lavoro basate sulla fiducia.

EQUILIBRIO VITA-LAVORO

Uno dei principali fattori che spingono all'adozione di modalità di lavoro flessibili è il miglioramento dell'equilibrio tra lavoro e vita privata dei dipendenti. L'IT permette ai dipendenti di bilanciare meglio il loro lavoro e la loro vita personale, eliminando il tempo di pendolarismo e/o adattando l'orario di lavoro alle loro esigenze personali. Per le aziende, è anche un modo per migliorare la fidelizzazione dei dipendenti.

In Germania, per esempio, un'indagine aziendale sulla conciliazione tra lavoro e vita familiare ha scoperto che il miglioramento delle relazioni con la famiglia nelle aziende è uno dei principali fattori che spingono i manager ad adottare orari di lavoro flessibili, compresi il telelavoro e i programmi di lavoro mobile. Più di quattro quinti (80,7%) delle aziende intervistate hanno dichiarato che la vicinanza alla famiglia è "importante" o "abbastanza importante".

La tendenza è verso accordi individuali nell'elaborazione degli accordi sull'orario di lavoro. Uno studio realizzato da BITKOM evidenzia il fatto che oltre a cercare di migliorare l'equilibrio tra lavoro e vita privata dei dipendenti, le aziende mirano ad ottenere una maggiore fidelizzazione dei dipendenti. Altre ragioni fornite dai dipendenti per l'adozione di schemi di lavoro mobili includono: una migliore conciliazione della vita familiare e lavorativa (86%), una maggiore flessibilità di tempo (79%), una maggiore soddisfazione sul lavoro (65%), e nessun pendolarismo (63%).

INNOVAZIONI IN ICT

Un altro importante motore per lo sviluppo del telelavoro è chiaramente il progresso delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione che si è verificato negli ultimi anni. Mentre il telelavoro da casa è stato una convenzione per decenni, le cosiddette "nuove TIC" come gli smartphone e i tablet hanno rivoluzionato il lavoro e la vita nel 21° secolo. Il risultato cruciale di questo sviluppo è il distacco del lavoro dagli ambienti d'ufficio tradizionali. Smartphone, tablet e dispositivi simili permettono non solo le forme tradizionali di telelavoro (lavoro da casa o telelavoro a domicilio), ma facilitano anche il lavoro in movimento e il lavoro da qualsiasi luogo.

ORARIO DI LAVORO FLESSIBILE

L'uso delle TIC per svolgere il lavoro al di fuori dei locali del datore di lavoro è anche legato all'estensione dell'uso di accordi per un orario di lavoro flessibile. Dal momento che le TIC permettono la flessibilità spaziale e temporale, quei posti di lavoro dove si stanno sviluppando accordi per un orario di lavoro flessibile possono anche essere un terreno solido per il lavoro a distanza.

Le occupazioni e i compiti lavorativi coinvolgono sempre più la comunicazione e il trasferimento di conoscenze e prodotti informativi, simboli e servizi a grandi distanze. Per queste ragioni, i lavori e i compiti sono diventati gradualmente più adatti al telelavoro. Questa tendenza è ancora fortemente associata alle occupazioni di status più elevato nel settore dei servizi avanzati.

PROBLEMI DI FIDUCIA?

Nonostante questo sviluppo, diversi fattori ritardano l'effettiva adozione della T/ICTM da parte delle organizzazioni, indipendentemente dalla tecnologia disponibile. Per esempio, in alcuni paesi e organizzazioni, la cultura del lavoro rende le organizzazioni riluttanti a introdurre il telelavoro e altri tipi di lavoro flessibile, mentre i dipendenti possono esitare a usare queste opzioni anche quando sono disponibili. Oltre alla disponibilità dei manager a sostenere il lavoro da casa, altri fattori includono i livelli di fiducia tra manager e dipendenti, la sostenibilità del lavoro auto-percepita, le esigenze di interazione sul posto di lavoro, e la disponibilità di spazio e attrezzature per l'ufficio a casa.

I manager possono resistere al telelavoro soprattutto nei paesi ad alta distanza di potere a causa della loro incapacità di controllare o monitorare i subordinati fisicamente dispersi che con il telelavoro riducono anche la loro dipendenza da loro.

È interessante notare che, secondo lo studio nazionale per il Belgio, i datori di lavoro con esperienza nell'adozione del telelavoro apprezzano i suoi vantaggi più di quelli che non hanno ancora avuto questa esperienza. Questo risultato suggerisce che alcuni datori di lavoro potrebbero avere pregiudizi contro il telelavoro.

TELELAVORO IN EUROPA

Nell'UE nel 2015, circa 3% dei lavoratori hanno fatto principalmente il telelavoro regolare da casa, circa 5% hanno fatto un alto T/ICTM e circa 10% hanno fatto telelavoro occasionale.

Percentuale di dipendenti impegnati nel telelavoro nell'UE28 (%)

 Percentuale di dipendenti impegnati nel telelavoro nell'UE28 (%)

In totale, circa 17% dei dipendenti facevano telelavoro.

Walrave e De Bie (2005) mostrano che nella regione fiamminga del Belgio più della metà (60%) degli impiegati che lavorano fuori dalla sede del datore di lavoro usando le TIC lo fanno da casa. Luoghi di lavoro meno comuni includono gli uffici dei clienti (16%) e forme di trasporto (11%). Pochissimi lavoratori che svolgono T/ICTM fanno uso di un telecentro o di un altro luogo di telelavoro (4%). (2)

Tra i 10 paesi dell'UE inclusi nello studio di Eurofound, una percentuale più alta di dipendenti nei paesi scandinavi utilizza le TIC e lavora fuori dalla sede del datore di lavoro. Altri paesi dell'UE con una quota relativamente alta di lavoratori che svolgono il telelavoro sono Belgio, Francia, Paesi Bassi e Regno Unito. Quattro dei paesi inclusi in questo studio sono al di sotto della media dell'UE28: Germania, Ungheria, Italia e Spagna.

GLI EFFETTI DEL NUOVO MODO DI LAVORARE

I risultati dell'indagine condotta dalla Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro suggeriscono che gli effetti del telelavoro sono ambigui e forse anche contraddittori. Il lavoro mobile intreccia molti aspetti della nostra gestione vita-lavoro, e per capirlo, abbiamo bisogno di affrontarlo da diverse angolazioni. Porta un chiaro vantaggio rispetto all'ambiente d'ufficio tradizionale? Quanto è facile implementarlo? Cosa possiamo fare per migliorarlo? Possiamo stabilire relazioni aperte, forti e affidabili dal nostro ambiente remoto?

I principali vantaggi del telelavoro riportati dai dipendenti sono una riduzione del tempo di pendolarismo, una maggiore autonomia nell'organizzazione dell'orario di lavoro, un migliore equilibrio generale tra lavoro e vita privata e una maggiore produttività. Ogni vantaggio va molto lontano, se i tuoi lavoratori sono soddisfatti eccelleranno nelle vendite e, alla fine, porteranno profitto all'azienda. L'equazione è semplice: lavoratori felici = clienti felici = azienda felice.

Alcuni svantaggi del telelavoro con cui i lavoratori sembrano lottare di più sono la sua tendenza a estendere le ore di lavoro, creare una sovrapposizione tra il lavoro retribuito e la vita personale a causa di un offuscamento dei confini tra lavoro e vita privata, e l'intensificazione del lavoro. Sembra che molti di questi effetti ambigui siano legati all'uso delle TIC, agli ambienti di lavoro specifici e/o alle caratteristiche delle diverse occupazioni.

LA SOLUZIONE GIUSTA

L'importanza di implementare soluzioni di telelavoro, sia dal punto di vista finanziario che delle risorse umane, è stata ampiamente documentata. Nonostante questi benefici intrinseci, molte organizzazioni sono ancora titubanti nell'implementare il telelavoro, spesso perché ci sono molti dubbi su come gestire i lavoratori in remoto.

Prima di lanciare un programma di telelavoro, ogni organizzazione dovrebbe determinare le esigenze tecnologiche di un telelavoratore, in modo che possa essere sufficiente a lavorare in remoto come lo sarebbe nell'ufficio principale. All'inizio, sembra che oggi gli strumenti di base di un telelavoratore siano solo due cose: internet e un computer.

Semplice, vero?

Beh, non esattamente, considerando che la preoccupazione maggiore del management è la paura di avere meno controllo sui dipendenti che lavorano da casa, e di non essere in grado di raggiungere un telelavoratore quando ne hai bisogno. Questi problemi possono essere facilmente risolti con uno spazio di lavoro online.

È qui che interviene Awingu.

Awingu permette un accesso altamente sicuro alle applicazioni e ai documenti aziendali su qualsiasi dispositivo, anche quelli di proprietà dei vostri dipendenti (Bring Your Own Device, BYOD). La nostra soluzione offre strumenti di collaborazione che rendono la condivisione di file, la modifica in tempo reale e la collaborazione online facile come condividere un link. Per quanto riguarda il "controllo", Awingu offre diritti di accesso degli utenti granulari e sicuri e statistiche dettagliate di auditing delle sessioni utente.

Curioso di conoscere Awingu? Iniziare un 14 giorni di prova gratuita!

 

Fonte:
1. Eurofound e l'Ufficio internazionale del lavoro (2017), Working anytime, anywhere: Gli effetti sul mondo del lavoro, Ufficio delle pubblicazioni dell'Unione europea, Lussemburgo, e l'Ufficio internazionale del lavoro, Ginevra
2. https://www.eurofound.europa.eu/observatories/eurwork/articles/telework-in-belgium
NOTA: La Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro (Eurofound) è un'agenzia tripartita dell'Unione europea, il cui ruolo è quello di fornire conoscenze nel settore delle politiche sociali, occupazionali e del lavoro. Eurofound è stata istituita nel 1975 dal regolamento del Consiglio (CEE) n. 1365/75, per contribuire alla pianificazione e alla progettazione di migliori condizioni di vita e di lavoro in Europa.

lavorare ovunque con awingu
Tabella dei contenuti
Vuoi saperne di più su Awingu?
Questo sito web utilizza i cookie. Leggi la nostra trasparenza politica dei cookie!